domenica 14 luglio 2013

La giustizia della pace

— Signore e signori, cittadini benemeriti della nostra amata Contea, apro questo nostro incontro straordinario con il caloroso benvenuto che solo persone sensibili e intelligenti come tutti voi siete possono meritare— il lungo applauso di risposta non si fece attendere, ed era rivolto a chi stava applaudendo, non certo al Sindaco che mostrava di essere dedito al lecchinaggio dei voti che gli consentivano di imprimere per sempre alla poltrona, quella che a fatica riusciva a contenere il suo grasso e tozzo corpo, la forma del suo culo.
— La riunione è stata resa necessaria dal manifestarsi dell'ultimo increscioso fatto, accaduto nel campo di grano coltivato dal nostro concittadino Pierre
— Come avrete visto si tratta di uno di quegli orribili disegni geometrici, ottenuti schiacciando le spighe con assi di legno, che devono aver fatto quei bastardi figli di cagna che infestano la Contea che il Padreterno ci ha messo accanto, allo scopo di dare alla nostra amata popolazione la possibilità di lottare per ottenere quella giustizia che la pace non è in grado di assicurarci— un vociferare astioso dilagò, nel locale adibito alle riunioni, come il fiele da una cistifellea esplosa per il troppo cibo ingerito
— Ci aspettavamo una ritorsione da quelli, ma che fosse rispettosa delle regole d'ingaggio che da secoli le due Contee si sono date, e non certo attraverso la presa per il culo data dal volerci far credere di non essere stati loro a ordire un simile velenoso giochetto teso a insinuare, nelle nostre chiarissime coscienze, che siano stati gli alieni a ferire la nostra pace—
— Non possiamo tollerare oltre la malvagità dei nostri vicini
— Propongo quindi di incendiare il campo di grano adiacente al loro museo storico, nella speranza di spegnere i ricordi che tengono acceso il loro atavico odio nei nostri confronti— un mormorio di approvazione sostituì il fiele col dolce miele della vicina vendetta, lubrificando l'uscita dal locale di corpi intenzionati al ripristino di una pace che era stata impunemente violata.

Tra il brillio pulsante delle stelle, intanto, un disco volante alieno gareggiava con la velocità della luce…
— Papi… che probabilità ci sono che i terrestri riescano a decifrare i frattali simbolici che abbiamo lasciato loro?—

— Molte, piccolino mio, non scordare che tutte le specie dell'universo sono state generate dallo stesso e unico principio di amore e di pace, e nulla di diverso dall'amore e dalla pace può governare i cuori di tutti gli esseri…—

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Impiego meno tempo io a cancellarti che tu a scrivere, considerato che devi pure essere semi analfabeta...

    RispondiElimina
  3. Io esere semi analfabeto? Yeah, se fa comodo penzare così per tua inteligenza superiora, penza così. Fa sempre comodo sminuzzare l'altrui persona per riconoscersi superiori.

    Ai ai caramba, ooo, ai ai caramba!!!

    RispondiElimina
  4. Non so perché ho scritto semi...

    RispondiElimina